Pubblicata il 02/02/2019

‘A Kannelóre
‘Na kannéle s’appicce, ‘n’avete,
‘n’avete angòre è ttuttekuande
i vambecèlle lòre arresblènnene
è zumbettjèjene mbacc’è krjature,
è vecchjarille, è fèmmen’è l’ummene
è allustrekèjene ‘a chjìse de ‘na lustre
kavete, prufumate de cére è nginze,
ka, pure si n‘nn’éje angòre premavére,
‘na dòce prumèsse de timbe bbèlle
te dace. Kannelóre, Kannelóre:
pigghje a kavece u virne k’u fridde
suje è k’u jéle suje è kk’a lustre
kavete tuje arresciuscetìje
frònne, frutte è fjure k’i lòre
kelure bbèllassaje è appure l’alme
d’i ummene de bbòne è kkative vulundà!
la candelora
si accende una candela, un’altra,
un’altra ancora e tutte
le loro fiammelle brillano
e saltellano sui volti dei bimbi,
dei vecchietti, delle donne e degli uomini
e illuminano la chiesa di una luce
calda, odorosa di cera e incenso,
che, anche se non è ancora primavera,
una dolce promessa di bel tempo
ti dona. Candelora, Candelora:
scaccia l’inverno col freddo
suo e col suo gelo e con la luce
tua calda risveglia
foglie, frutti e fiori con i loro
bellissimi colori e anche l’animo
degli uomini di buona e cattiva volontà!

  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)

Un armonia di versi! Che scalda d'armonia! Un saluto

il 02/02/2019 alle 17:05

È amore per ciò che mi ha accompagnato fin da bambino verso ciò che i nostri genitori ci portavano a ricordare.

il 04/02/2019 alle 19:29