Pubblicata il 12/01/2019
Pietra
mi rese il crudel fato,
solo.. trafitto
luce nella tenebra.

divenne
ghiaccio il sangue
divennero
vitrei gli occhi
fuoco etereo
il pensier
or fosco, crudele.

m'accolse
in cosparse membra
nel nulla..
dall'estrema sorte violate
l'eterno vento del nord.

angelo caduto
or vago
qual invincibile guerriero,
ma nulla d'umano
regna in me.

sol ne la morte
vi è il vero,
qual amaro sapore
cotesta errante vita,
e.. quel fuoco
ancor arde,
mai si spegnerà
mai esso vuol spegnersi..
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (2 voti)