Pubblicata il 07/01/2019
I felici sono felici per il possesso della giustizia
e della temperanza.
gli infelici,per il possesso della cattiveria.

(Platone)
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (4 voti)

Sbaglierò, ma effettivamente dietro quei due valori c'é una forma di potere. Per la cattiveria.. Chi lo é, proietta il suo stesso malessere sugli altri, come conseguenza di scarsa autodisciplina (fallimenti) ed eccesso di giustizia (odio come reazione alle sollecitazioni della vita). É questo piú o meno il senso?

il 07/01/2019 alle 21:10

Si,esatto.Chi possiede la cattiveria non sarà mai felice e proietta ciò che e'sul prossimo.Temo più chi si fa il segno della croce dieci volte al giorno e sputa sentenze gratuite che i poveri diavoli nei quali,forse, alberga un minimo di bontà sincera anche se nascosta.

il 08/01/2019 alle 08:49

tra i due preferisco chi porta in superfice la cattiveria ....la sua bontà è tutta da scoprire non ....esiste individuo tutto buono o tutto cattivo....

il 08/01/2019 alle 10:32

sono daccordo con te,Gabriela.Nessuno è totalmente buono o cattivo.Ma ci sono casi in cui infierire per il solo gusto di farlo è segno di profonda debolezza,non certo di forza.

il 08/01/2019 alle 10:52

...e niente,na vita sua proprio non gli riesce di viverla.

il 09/01/2019 alle 12:45