Pubblicata il 23/11/2018
c'è ancora il profumo
del vino, sui graspi
d'acini appassiti,
aggrappati a tralci
ormai spogli
d'infiniti filari.
morbido è il verdeggiar
del grano nei campi,
mentre lo Scirocco
col suo tiepido soffio,
l'ondeggia e culla.
seguo impalpabili voli
di foglie che si posano
sui miei passi.
e si posa una Capinera,
sulle briciole
dei miei pensieri.
e sull'ultimo
sibilo di luce,
si posa anche la sera.
  • Attualmente 3.8/5 meriti.
3,8/5 meriti (5 voti)

Così era, ma se si vuole, si trova ancora oggi un luogo simile. Si osserva, si respira e si ascolta, il resto va da se dove ognuno lo sa custodire.

il 24/11/2018 alle 00:17

Molto Bella leggi la mia sera

il 24/11/2018 alle 05:30

"sulle briciole dei miei pensieri. e sull'ultimo sibilo di luce, si posa anche la sera." Un gran bel poetare: complimenti! ggc(rusticus)

il 24/11/2018 alle 16:48