Pubblicata il 17/11/2018
Ho visto parole come alberi in un viale
ho percorso parole-parole nei gradini di una chiesa
mi si sono parate davanti parole grandi come statue
parole terribili mi hanno rincorso nel sonno
in una parola vivo o vegeto, di parole mi nutro, respiro
non cammino più, parlo, e se non parlo più ascolto
dentro me sillabe si muovono, si accoppiano
litigano se non le penso, si accaniscono se le penso troppo
antiche parole mi cadenzano i mesi,
le stagioni che ascoltavo adesso pronuncio
mentre altre parole vado perdendo
inesorabili giudici del mio tempo passato,
parole mi lasciano solo e testardo con le mie quattro idee
nuove cose ho letto, persone nuove ho ascoltato
parole che camminavano ed ancora accanto a me le trovo.
una parola nuova ho bisogno e nuova è in te
nuova parola che rinasce al mattino
e fiorisce alla sera.
una parola alla fine ascolterò,
l’ultima, e non so ancora quale
dentro di me si produrrà
e fuori di me si udrà
due parole ed ancora un incontro
prima del silenzio, sigillato
da una parola ascoltata.
  • Attualmente 4.25/5 meriti.
4,3/5 meriti (4 voti)