Pubblicata il 07/11/2018
mentre davo in dono un daino ad un dandy in via Dandolo, una donna di nome Dalia donava dei denti di donnola ad un direttore didattico di Dallas, che aveva un debito con un divo di Denver per una dotazione di duecento dentici del Don, una dozzina di dromedari a dondolo dorati e dieci dischi di Donovan con dedica.
per distrarmi da queste demenziali diatribe, diressi il mio desiderio verso destinazioni più divertenti.
così, entrai in un dinner-bar dove mi abbuffai di datteri di mare, filetto di dindo dorato, pomodori datterini al dragoncello e daikon, due ciambelle donuts e un paio di caraffe di Dolcetto d'Alba Doc.
il vino mi provocò una dissociazione dalla realtà per cui ebbi un delirio mentale tanto che mi immaginai i Duran-Duran sopra una Fiat Duna diesel con decalcomania di Drupi sul cruscotto, che si dirigevano verso una discoteca di Domodossola per danzare con Don Lurio il Da-da-umpa vestiti da Diabolik. !!
la dissociazione continuò con la visione di un dinosauro con gli infradito che inseguiva un deltaplano che inseguiva un drone che riprendeva in 3D un diavoletto di Cartesio che un giorno al mercato mio padre comprò !
oh, dannazione, che disastro devastante....!
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)

eccesso di cannabis, peccato che la D non c'entri...piaciutissima

il 07/11/2018 alle 11:25

Grazie per l'apprezzamento Arturo.... alla prossima.... saluti

il 07/11/2018 alle 12:14