Pubblicata il 14/10/2018
Quanno tu padre co tu madre t'hanno fatta
doveva esse de na notte co le stelle
che puro er mare s'é fermato pe n'seconno
dicenno ar vento va, carezzeglie la pelle.

e quante onne t'hanno fatto come culla
perché nell'occhi t'arestasse er marmatrone
quanta sarsedine se mise sulla bocca
pe nun sazià la sete di chi chiede baci.

e chi t'amato t'ha lassato l'istruzione
a fa si che er soriso tuo facesse scola
a chi l'amore nu je l'hanno mai spiegato
ma dentro tiene come n foco de vesuvio.

quante staggioni a nun toccà quelle cerase
mature e rosse pure s'ha tanto piovuto
le guance tue so tera ambita da ste mano
che dentro i parmi c'hanno ceste de carezze.

der collo tuo ma dimme npo namo parlato?
ma quale piedistallo porta tanta grazia?
l'intreccerei cor mio pe alleggeriglie er peso
de quer diadema che te fa la piu reggina.

e quati erori pe trovà la perfezione
ma mica è facile tene a giuinzaglio n'tono.
c'è chi se brucia e fa fuliggine de sogni
ma tu c'hai fatto festa e fochi d'artificio.

quanno er dolore tuo più grosso t'ha trovato
co mani gracili e co core da gigante
gl'hai detto addio sonanno accordi scomminati
che all'occhi de chi sai se fecero violini.

e quanno er pianto scese perla de ruggiada
nun se sprecò ma fece vicoli de fiori
e quanno sfogli er core e mostri sti paesaggi
me viene voglia de passacce a piedi nudi.
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (4 voti)

Perfezione creò: una donna in fiore! È dal suo ventre i popoli! Intelletto ed amore! Ma furbizia ne rapì i sentimenti! Un dio creò fra i popoli: La furia dei venti! Bella poesia! Piaciuta un saluto

il 14/10/2018 alle 20:52