Pubblicata il 12/10/2018
Hai pregato per quell'uomo che amavi.
chiedendo a Dio di cancellarne i difetti.
giustificandone gli errori che sono uguali a tanti.
che certamente non si pesano in etti.
alito cattivo, cattivo carattere.
amante del bere e delle belle donne.
bugiardo ad oltranza. Bugiardo in malafede.
puzzolente. Mai insonne.
bestemmiatore attento a farsi sentire.
a farsi vedere. Capace di fare tutto e di non fare niente.
rutto libero e disordine ogni dove.
manesco e violento anche quando a letto ti cercava.
recidivo impenitente.
e tu che sciocca, stupida e cieca lo amavi lo stesso.
l'abitudine, lo sai, diventa nemica irriverente.
come della corsa il passo.
hai pregato per quell'uomo che ti aveva dato un tetto sulla testa.
chiedendo a Dio di non evidenziarne gli ammanchi.
e del resto i pregi erano così pochi
che il pacchetto l'hai accettato lo stesso.
lancia in resta.
coi tuoi desideri ormai disillusi e stanchi.
stanchi...Stanchi...
hai aspettato il suo ritorno a casa.
nove su dieci ubriaco fin nelle ossa.
ha aperto la porta quasi strappandola
e tu hai sparato chiudendo gli occhi, come a Messa.
o come quando ti violentava l'anima più del corpo.
asola.
piangendo subito, molto prima dei rintocchi.
dio ce ne scampi.
poi hai telefonato alla polizia, con voce ferma. Piatta.
sono stata io, hai detto. La cosa è fatta.
e quando sono arrivati hai spiegato tutto.
credendo fosse finito il tuo calvario.
hai rimandato giorno dopo giorno
fino a quando son diventati anni.
muro del pianto.
sudario.
hai capito che l'unica cosa da fare era questa,
dopo che varie denunce e fughe inutili
non ti avevano liberata. Svanita. Rimessa.
hai pregato per quell'uomo che amavi.
e hai chiesto a Dio un perdono per te.
che stupida sono stata, hai pensato.
mentre in carcere ti hanno portata con sguardi bui.
una vita nuova chiusa in gabbia.
una vita che puzza di pattume.
buttata.
per lui.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)