Pubblicata il 11/10/2018
-Quel che sia
soffio rapito al vento
lieve velo raggomitolato
uscio di cielo saffico
intimidito vasto inciso
a calice di fine assolo
teschio dal fiore solo.
-Ecco cos’è il tempo
ascritto testamento.
-Esile la presa adesca
grazia, sfarfalla casta
dilegua commossa
candele d’antro
fila minuscole scintille.
-Ha l’apertura ballerina
l’irriverente estasi
ambra di puro adagio
e il roseo lacrimar nicchio
sussurra lieve, candido
evento ad arco pacato
ombra viva d’afflato.
-Una lastra arpeggia d’alba
lacrima soave ampolla
e l’anima ad essa instilla
reminiscenze di favola.
-Che sia… quel che sia
io sono anima malia.
  • Attualmente 3.66667/5 meriti.
3,7/5 meriti (3 voti)

brava! :-)

il 11/10/2018 alle 18:15

piacevole lettura....

il 11/10/2018 alle 19:06