PoeticHouse - Il Portale dei Poeti e della Poesia
Utente eliminato
Pubblicata il 04/10/2018
Parole alla radice
nulla si rilascia

scegliere l'acqua
che leviga la pietra

il pensile giardino

e tu
dove non so.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (4 voti)

Il Poeta sente un profondo sentimento verso una virtuale fanciulla e le parole che vorrebbe pronunciare sono radicate e forti...assolutamente pervaso e invaso da cotanto amore vuole enfaticamente dirimere l’ acqua a levigar la pietra straordinaria metafora dell’ amore eterno...si può vedere il Poeta che decanta dei versi all’ amata in un giardino pensile lontani dalla banalità quotidiana e persi in una bolla temporale dove il Mondo non entra...ma l’ amara realtà nel quadro finale...tutto ciò non esiste...tu dove non so… Caro Ravachol, per consolarti ti riscrivo questo verso del Francesco… “Erano i capei d’oro a l’ aura sparsi...” dove tu puoi riscrivere...” Erano i capei d’oro a Laura sparsi...” anche se l’ hanno già fatto molti altri…; un abbraccio.

il 06/10/2018 alle 12:06

ma che bella questa...mi era sfuggita, commovente

il 17/05/2020 alle 22:15

Non so! Tutti i commenti sono pertinenti. Mi lascia un senso di tristezza questo mondo in sospensione dove comunque ad un certo punto dobbiamo fare delle scelte pur sapendo che potrebbe esserci qualcos'altro che ci aspetta chissà dove, chissà quando... Ecco il vero dilemma... il quando, il tempo ci sfugge, il tempo ci chiede delle scelte e tu dove non so. Forse non lo saprai mai.

il 05/09/2021 alle 18:14

Mi fai venire in mente che in effetti quando nasciamo nessuno ci rilascia un libretto delle istruzioni...Ecco perché siamo delle schegge impazzite!

il 05/09/2021 alle 18:31