Pubblicata il 27/09/2018
L'acqua e la morte
vuoti secchi
restare a guardare
e togliere l'insieme
raduni della pelle
troppe volte presa
l'urto della carne
che cede al ramo spoglio.
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)

...Carissimo Ravachol, mi viene in mente prepotente l' immagine, virtuale, di un soggetto che scriveva in maniera ermetica...è da tempo che colui non si fa vedere...però ora ci sei tu...vedrò di studiarti a fondo...come consolazione, per me ovviamente, scrivo dei versi ermetici di un Maestro di tale attività agonistica...spero che tu lo riconosca...:Non chiederci la parola che squadri da ogni lato/ l’animo nostro informe, e a lettere di fuoco/ lo dichiari e risplenda come un croco/ perduto in mezzo a un polveroso prato.- Salutissimi...

il 02/10/2018 alle 19:14

"Codesto solo oggi possiamo dirti, ciò che non siamo, ciò che non vogliamo"... Un abbraccio, amico caro...

il 02/10/2018 alle 19:30

...Caro Ravachol, quando al tempo della Scuola superiore (ho fatto l' Istituto Chimico) ho incontrato Montale il cuore mi si è fermato...meriggiare pallido e assorto...un abbraccio anche a te...

il 02/10/2018 alle 19:54

si avvertiva dal tuo animo… a presto...

il 02/10/2018 alle 21:16