Pubblicata il 28/06/2018
oh tu che ti fermi a pensare,
vuoi penetrare con lo sguardo attento
anime girovaghe alla ricerca di altri mondi;
vorresti che il tempo si fermasse,
per avere la certezza di essere riuscito nel tuo intento e per avere nella tua mente il
ricordo impresso delle sensazioni percepite.
convinto di averle superate,
del tuo immaginario eterno
divengono reliquie.
forse hai commesso fallo
ma sei persuaso del tuo operato
e il tuo animo così sensibile ti tiene il gioco.
non patirà mai gli errori commessi,
tu hai facoltà di sbagliare nell’assaporare ciò che ti circonda ed emozioni, sensazioni, volti di donna, di uomo, son tutti tuoi.
ma quando ti fermi per un istante a riflettere,
a far tuoi gli istanti del minuto fugace,
rivedi il tuo animo, i tuoi cupi o brillanti colori nell’altro e fai delle tue proiezioni eterna verità.
mondi inesplorati e sovrumani ti appartengono,
sarà il giorno e la sera e così per sempre
e ti consumi, ti sperdi nel vortice delle immagini.
che godimento! Puoi essere maledetto, lussurioso, cinico quanto amorevole, dolce e al tempo stesso spietato e, intanto, in quello specchio la tua immagine non ti lascia scampo e ti sussurra “questo sei non vaneggiare !!!”.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)