Pubblicata il 11/06/2018
valli a capì ‘sti saggi scenziati,
studieno 'a robba che se magna
da 'e frittelle infino a 'a lasagna
sortanto pè dacce tristi risurtati.

mo ce l’hanno cò a carne rossa,
‘e sarsicce, er cotto cò a legna
dicennoce che si ce se ‘mpegna
a magnalle finimo tutti ‘n fossa.

e manco er preciutto s’è sarvato
da li strali de ‘sta banda dottorata,
corpevole pur’esso d’esse reato
si te sazzi cò du’ fette a giornata.

‘Nzomma, io che cò li preciutti
e ‘e bistecche ce sò ito a nozze,
sò destinato a viveme de cozze
oppuro a sazziamme cò li frutti.

ma ‘sti soloni nun pasteggeno?
come ‘e capre brucheno li prati?
nun credo proprio, s’abbuffeno
ridenno de noi, poracci disperati.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Piaciuta sia argomento che dialetto

il 12/06/2018 alle 17:09