Pubblicata il 29/05/2018
Sono stanco di smacchiarmi i danni,
indosso un vestito c’ha odore della vita
a ogni risvolto un peccato da scontare.

pentirsi è una roulette ed ho il banco,
passo le carte ma non ci sono giocatori
a osservarmi solo la mia coscienza.

È gioco strano un vivere negligente
sospeso tra errori che bucano le tasche
e il sapere che s’ammassa nella testa.

questa esistenza costruita in tintoria
vorrei appenderla lavata su in terrazzo ..
chissà, il sole mi asciugherà i danni?
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (3 voti)