Pubblicata il 07/05/2018
Dal tempo dei templi
fin sulla soglia dei nostri giorni
col tipico tappetino festoso
scritto in diversi idiomi per comodità
descriverò quello corrente
ma dove cazzo corre tutti a correre
a parte gli atleti di genere corrono
sogni di imperitura gloria
recita, il tappetino, a soggetto:
benvenuti in questa umile dimora
soprattutto se rimanete fuori
all'addiaccio portatevi un sacco a pelo
più sacchi a pelo per tutti
e una crema fotti zanzare però
potete vedere il firmamento se non pigliate sonno
chi dorme non piglia sonno
contare le stelle che leggiadre saltano
oltre i bastioni di Orione sembrano
mansueti tortini al cocco
e il tempo è un tirannosauro molto prima
che il padre nostro che è nei cieli inventasse
tutti sti bestioni in via di estinzione
per fortuna che l'ora legale ha sistemato
lo scorrere dei cadaveri sui loro fiumiciattoli
anche oggi mi siedo sulla riva gauche
con un cuscino sotto il culo perchè
la comodità è alla base del piacere
e per l'altezza guardo i gabbiani
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (6 voti)

piaciuta :-)

il 08/05/2018 alle 08:51

bravo

il 08/05/2018 alle 09:29

grazie di cuore

il 11/05/2018 alle 17:10

Mi mancava leggere le tue poesie

il 25/05/2018 alle 01:23