Pubblicata il 06/05/2018
Lei pervade il corpo come fior di primavera.
Ascolta il perdurar del tempo in una goccia di sudore che dalla fronte scende sulle labbra.
Poi muta in silenzio.
Silenzio dei sensi che tacquono illesi, tempri, ligi.
Non ti fermar strozzata nota ancestrale che devi rancori nuovi.
Finisci il tuo corso e rinnovati ancor.
Felicità che assolvi assassini.
Felicità che distruggi passioni carnali.
Tu pura ed ingenua sgorga potente fra la gente.
Compra aquiloni di carta colorata e assolvi innocenti, invece.
Avvolgi il mio cuor di zucchero ripieno e vola via con la mia anima pura e ferita.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)