Pubblicata il 17/04/2018
Nulla, nessuno,
odo più bussar
nell'uscio oscuro
dell'anima mia.

l'odio,
scudo impenetrabile
ove essa è racchiusa
rende diabolica
l'immortale essenza;
tedio patir
dell'umano mio cuor,
ove antichi ricordi
prendono or posto
remota speme
sacrificata al chiaror di luna.

insanguinate mani
or vibrano aguzzi stiletti,
in un cuor un tempo radioso.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)