cantano le foglie

cri
cantano le foglie
3,0/5 meriti (1 voti), lettura, 2 commenti
Pubblicata da PoeticHouse Mercoledì, 11 di Aprile del 2018

letta con piacere e molto apprezzata...complimenti!

il 15/04/2018 alle 00:30
cri

Grazie mille, a risentirci

il 16/04/2018 alle 11:00
Foglie arrossite ci scorgiamo
da cenere impazzita arroventate
di anni che decifrabili sol sono
nella loro inestricabil indecifrabilità;
leggeci il libeccio in ciò che fummo
ad abbandonarci lesto e scaltro
in quanto mai saremo
inespressi inebetiti di fallimenti
o frasi odoranti e sibilanti
di scomposta letterarietà.
di ruggire più non ardiranno
da navate tremebonde
di chiese dimenticate
i dardi d’una ribollente fede.
profanato è l’ancestral confine
tra seduzioni di materia
e feroci percezioni di miseria,
mentre foglie dispettose
d’un tempo svelansi e celansi
organi del flebil suono memori
germogliato dall’indifferente grembo della terra.
si dimenano i rami
cadenti e sfuggenti
tra le fauci d’un’antica, arrugginita fontana
come esauste meretrici
che a sputare son avvezze ormai
su un tempo che le ha dimenticate.
evaporare le vedrai ancora
tra i ronzii vorticosi e urticanti
di giorni che letti furono
senza saperli davvero leggere.
e le foglie lacrimano
mentre fumiga compiaciuta e sogghignante
l’invisibil mano del boia
su carni indifese d’amore macellato
che vanamente cerco’ di inventarsi eternità
tra sobbalzi incerti di fiato.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)