Pubblicata il 31/03/2018
lenta salita carme
dischiusa valva e faringe

quattro carte in solitario
scendono il vicolo

a ognuno il previsto silenzio
la prevista voce insoluta

notti e convitati all'assemblea
mille e più sottaciuti

vestimenta con porpora
accappatoi dopo la crapula

venti attraversano atri
lacinie di lapillo

ti avrei atteso
ma era corsa voce
che non attendevi più
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)

Testimonianza di una apocalissi di stampo pompeiano. Già vedo il poeta soffiare sul fuoco.

il 02/04/2018 alle 21:24