Tra il sacro e il profano

Tra il sacro e il profano
Pubblicata da PoeticHouse Venerdì, 23 di Marzo del 2018
Sull'ara di Marte
la lama crudele
plutone ha levato
sul capo piegato
dell'umile Dea:
la pace è sgozzata!
il sangue repente
dilaga purpureo
e gelido irrora
la cava atmosfera ,
e..il gelo stupito
a sé stesso non crede.
l'angelo nero
dal male risorge,
immane Flagello
le tenebre a porre
fra l'uomo è il divino
con odio e vergogna..

È di costoro la colpa?

voi, che alla dolce
cadenza del verso
all'emozione l'animo affidate
e dell'amata sposa, umili,
il bacio sul latteo seno
ansanti riponete.

sì, voi, che al fumo
dei ruggenti roghi, ebbri,
dell'odio sopite gli sfoghi
e nelle chiese
i fanciulli appendete,
rei dell'assurdo scempio
che nell'etere ghiaccio
stringe le membra
avvinghiate a predarsi la vita..

all'universo lugubre implorazione,
udrai quelle ossa urlare,
e ognor fremere nell'oscura fossa..
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)