Pubblicata il 11/03/2018
La notte,
amica e nemica.
odo il canto della primavera
e due innamorati vittime di Cupido.
tutto è rinascita.
tutto è morte.
il buio fuori e dentro,

dov'è il mio faro?

in questo mare nero e frastagliato
tu guardiano,
hai volto lo sguardo distante
a questa traballante imbarcazione.
la tempesta sarà lunga.

nessun equipaggio affiancherà il mio viaggio,
tra questi fulmini scrutando la riva,
mirerò l'orizzonte inquieto.

dove sei mio guardiano?
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (4 voti)

anch io ho una poesia stesso titolo

il 14/03/2018 alle 13:19

Confida nella provvidenza.....qualche angelo ti aiuterà....piacevole poesia Gabriela.

il 18/03/2018 alle 18:17