Pubblicata il 11/03/2018
rintocca la notte,
nel ticchettio dei ricordi
di una sera trascorsa
tra amicali memorie
e sguardi di fraterna amicizia.
batte le ore un orologio malato
di fugace mestizia
ed attimi rapidi intensi
di pace serena e frugale,
come chi non sa più assaporare
l’acre gusto di vita trascorsa in pienezza
nel bene e nel male
e non sa ritrovare la via di un tempo
creduto perduto,
ma che ha preso gli aspetti ,
camaleontica trasformazione,
di eventi di quotidiano patire.
quella gioia creduta vissuta
in un tempo che suol dirsi lontano
non so più se sia realmente accaduta
o è frutto di desiderio più ampio
di un oggi che ha cambiato i confini
di spazi in cui turbinano legami di affetti
che non trovano strada e lasciano scie di dolore
e frammenti di vite spezzate.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)

molto triste e vera

il 11/03/2018 alle 07:33

Grazie Ginni, periodo così!!!

il 12/03/2018 alle 16:16