Pubblicata il 10/03/2018
Rintocchi
dalla madre perla
al buio tenebroso Brumo
vorticosi riflettono il metro
dell’uomo
e il suo pianoforte
i Contrasti e le dissonanze fragranti
di assonanze che madre è
la natura dell’improvvisazione
plasmano ali solo da quanti nervi muovono le mani
emozioni dalle imprecazioni
il viso sibila al cielo
cercando qualche valore
in quattro quarti o in sei ottavi
o poco più
mentre le nuvole mutano le vibrazioni
in giochi di trasmigrazioni
ammiro chi
coglie ogni attimo
nel viaggiar eccedente
tra la corona ed il punto
in questa essenza di vita
piena di soli rumori vacui
che si chiamano
illusioni
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)