Pubblicata il 07/02/2018
C'è questo sentiero di ghiaia
il fumo in lontananza
un po' di neve è cominciata
a cadere
e i ricordi sono riaffiorati
passato e presente
si alternano
erano gli anni
degli arrivi d'agosto
erano gli anni
delle voci lungo la valle
erano gli anni
visti da un tramonto in disuso
se ora ritorni non vedi
altro del tempo dimenticato
che macerie e freddo
restami accanto
quando verrò per l'ultima volta
salendo la strada
che da ragazzo
calpestavo appena.
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)

infinitamente triste, dolorosa come può essere solo questa vita che promette e non mantiene

il 07/02/2018 alle 22:12

Struggente, Brasens, questo passato che rincorre il presente e non riesce a gratificarlo, struggenti le macerie il fumo, e quel tempo dimenticato. In questi versi, come ma forse più che in altri, la tua mano sapiente dipinge con tratti di parole un affresco di vivido disincanto.

il 08/02/2018 alle 05:55

molto bella

il 08/02/2018 alle 14:05

Tutto nasce dalla visita nei luoghi scossi dal terremoto del 26/10/2017 versante marchigiano. l'input è quello. il resto è passaggio e incrocio di esistenze altrui. Grazie per l'attenzione e un abbraccio a tutti.

il 09/02/2018 alle 16:33