Pubblicata il 29/01/2018
Ormai
solo nuvole distratte
con inconsuete forme
anche d’immaginifiche fisionomie bislacche
intrecciano le mie giornate
sbrogliando matassa dei miei pensieri
mentre sono con lo sguardo volto all’insù.
stimolano ricordi e riflessioni
mentre m’avviluppo in vapori profumati
e vaghi
che esalano, ancora, di te.
spando fiori consunti e invernali
su grigio balcone e tramontana leggera.
volano subito.
quel che resta di un inverno strampalato.
mi perdo in sogni e incubi
di post vitam bio testamentaria.
e, intanto, il sugo di cozze ripiene
bolle
attendendo tagliatelle “al chiodo” con pecorino e pepe.
vado.
È meglio.
  • Attualmente 3.75/5 meriti.
3,8/5 meriti (4 voti)