Pubblicata il 19/01/2018
Randagia è la notte,
l'anima vaga in essa;
sperduta.. preda
dell'oblio del dolore..

qual solitudine, puo'..
essere più maligna
di questa.. che ora..
dentro mi divora.....

nulla di umano
vi è più in me,
né sentimento.. né amore..

anche l'ultima illusione
pare rifuggire
dal mio cuore...

forse
morir io devo,
per porre fine
all'atroce tormento
del mio esistere...........
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)

Classicheggiante! A parte il chiaro significato... magari sta attento all'uso dei puntini! :)

il 19/01/2018 alle 13:26

I puntini fanno parte integrante del mio scrivere..

il 20/01/2018 alle 01:38

Sì, OK... ma vanno usati bene, non come una mitraglietta :)

il 20/01/2018 alle 15:04

Dipende cosa si vuol trasmettere con i puntini, io li uso per un significato preciso, in poesia non vi sono regole, nell'animo non vi sono regole.. potevi risparmiare la battuta sulla mitraglietta.. io scrivo come voglio ......... Non ho regole.

il 21/01/2018 alle 01:20