Pubblicata il 16/01/2018
Con te
per l'universo
etereo volo,
immerso
nel mirabile torpore:
la lattea schiera
delle stelle involo
e d'oblio e di pallido splendore

per te compongo un serto
e la tua fronte
d'immortale divina
aureola cingo.
così vaga
letizia dalla fonte
d'amore sgorga,
e questo canto attingo

che per l'eterno
formo tuo ricordo:
cara illusione mia,
sublime inganno
che il petto tiene
sì.. despota e sordo!
sogno di pietra
frutto dell'affanno

che mi soggioga
e fumiga, reggendo
le azioni mie su trampoli
di nebbia:
tale è l'arcana forza
che fingendo
blanda malia,
d'oblio la mente annebbia...
  • Attualmente 3.33333/5 meriti.
3,3/5 meriti (6 voti)