Pubblicata il 04/01/2018
Io, Luana la prostituta
confessai tutti i mariti del paese
il prete tutte le mogli
entrambi col proprio vangelo
lui esortò l'agnello a togliere i peccati
io fui esortata a pecora a provarli
lui li elevò al cielo,io sul capo a corna
entrambi col vincolo del segreto
demmo assoluzioni a un prezzo
-Ora entrambi nel museo dei silenzi
sotto gelide lapidi
visitati a cottimo
-alla mia foto
tutti voltano la testa
alla sua fanno un inchino
e fulminei con la mano
una croce trasparente
-Entrambi ci occupammo di anime
io le resi a terra con sincerità umane
lui bugiardo,angeliche le fece volare
-Oh! voi che leggete
lasciate almeno a carnevale
quando le farse sono verità,
un fiore su questi miei sudici resti
------------------------------------------
da:Sorrisi Pignorati
www.santhers.com
  • Attualmente 3.33333/5 meriti.
3,3/5 meriti (3 voti)

Mi ricorda un po' De Andre' che non vuol dire sia un merito in più, un po' Spoon River che non vuol dire che queste sepolture siano più elevate perché le tue, per me , sono perfette nella forma e nel colore.

il 05/01/2018 alle 22:53