Pubblicata il 25/12/2017
Ti ho visto arrivare urlante e piangente
senza capire e senza esser cosciente
che l’emozione da te regalata
non dava un tempo e neppure una data.

i giorni che passano e le tue mutazioni
sono le ansie ma anche dei doni
e i mesi che scivolano fra le dita e le mani
pensando soltanto di regalarti il domani.

il tempo passa, guardandoti sempre
facendo attenzione al nostro presente
i tuoi primi passi e le parole che hai detto
sono state il preludio di un momento perfetto.

il primo lustro che passa veloce
con tanta gioia e soltanto una voce
quella che dice e che ho ben presente
di amarti solo ma amarti per sempre.

poi d’improvviso un vento deciso
e la tempesta mostrava il suo viso
con l’aria gelida da lei riportata
è stata sentenza e non certo grata.

di certo l’agguato non è stato indolore
ci ha allontanati ma non ha tolto l’amore
e come un destriero che corre veloce
cercavo il tuo volto e la tua voce.

pensando poi sempre di essere pronto
ad ogni tuo acuto e ad ogni confronto
sapendo che il tempo che sempre regala
la vita vissuta e non la festa di gala.

ma ora anche tu sei quasi un uomo
le tue parole che cercan perdono
non devi certo a me apparire
come la colpa o come il suo dire.

fatti coscienza ragazzo caro
l’amore donato è assai raro
ma il mio aiuto sarà per l’eterno
a sollevarti da questo tuo inferno.

stai tranquillo e stanne certo
la vita ti aspetta e non sarà certo un deserto
e con pazienza senza mai dubitare
verrà l’amore senza cercare.
  • Attualmente 2.11111/5 meriti.
2,1/5 meriti (9 voti)

un testo di rara bellezza che riesce a muoverti qualcosa dentro!

il 30/12/2017 alle 01:01

NELLA RIFLESSIONE A TE MI ACCOSTO E,......MI COMMUOVO GABRIELA.

il 24/03/2018 alle 11:14

grazie molto gentile...........purtroppo

il 24/03/2018 alle 11:18