Pubblicata il 04/12/2017
Dicembre
la neve presto scenderà
magica bianca
come nei giorni lontani
dell’infanzia.
come allora guardo
presepi arroccati
su montagne di cartone.
nelle vetrine ci sono
pupazzi di legno
in case di stucco
raccolti intorno ad una grotta
che restano in muta attesa.
da un albero illuminato
pendono topolini di cioccolato
lucidi, silenziosi infiocchettati.
i rami ricoperti di cristalli di zucchero
sono leggeri e profumano di fiaba.
fole che hanno fatto battere il cuore
al mondo piccino….
paura di essere abbandonati
o mangiati da orchi.
chi si è persa nel bosco
sono io… l’amore non basta più
devo tornare indietro a ritroso
e ritrovare l’ingenuità perduta
lei sola potrà far felice il cuore.

mirella Narducci
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (4 voti)

brava piaciuta :-)

il 04/12/2017 alle 08:22

A Natale puoi...tornare a recuperare l'innocenza perduta, provaci!

il 04/12/2017 alle 20:26

cangio...grazie. Questa poesia ha sfumature di ricordi di quando ero piccola. Riuscivo a trovare nelle fiabe l'incantevole magia, perche ci credevo e ti assicuro era magnifico. Notte

il 05/12/2017 alle 00:19

anny...ritrovare lo spirito del Natale è necessario oggi più di ieri. Intorno a noi accadono tante brutte cose che il sogno e i ricordi possono farci un gran bene. Forse l'innocenza quella si è persa ma rimane il sentimento, l'amore che anima queste feste. Ciao notte

il 05/12/2017 alle 00:25

sei un'anima bella.

il 05/12/2017 alle 17:29

Grazie anny non sai quanto è bello sentirsi definire cosi........ :) Buona giornata

il 06/12/2017 alle 09:52

verissima ...leggi mia neve ciao

il 08/12/2017 alle 07:49

Ciao GINNI la leggerò. Grazie felice serata

il 08/12/2017 alle 20:35

Come si vorrebbe tornare, oh come si vorrebbe, ma in quale fiaba?…Non in quella di una piccola senza denaro con le pantofole della mamma perse ad una ad una e un padre che l'attendeva a casa con una punizione feroce nel caso non avesse venduto i fiammiferi con i quali illumina i suoi sogni prima di morire nella neve con l'unica consolazione che nell'ultima visione una nonna la porta in un paradiso che noi non abbiamo quaggiù. Personalmente cercherei il fiammifero della serenità. Buon Natale, Mirella

il 18/12/2017 alle 18:50

MARIANO...le favole non ci hanno abbandonato, sono nei nostri ricordi e loro ancora oggi ci lanciano dei messaggi. Uno di questi è che esiste un mondo più buono, se col nostro pensiero l'abbiamo trovato il sogno potrebbe divenire realtà, i sogni a volte si avverano! Ciao Buon Natale

il 22/12/2017 alle 02:14