Pubblicata il 23/11/2017
- Confusa ebbe l’ombra al perdono
iniziatica lingua d’essere quel “sono”
custodito cuore vergineo
allevato mimo ad atto che sfama
l’essere vero, dolore solcato d’assolo
su solitaria riva di chi spiccato il volo
smarrisce il porto in cerca del corpo perduto
la morte che illumina il vuoto.
- Ecco ora so tutto ed io nel nulla
ascrivo l’opra d’eterna livella
l’anima mia, la bimba farfalla.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)