Pubblicata il 12/11/2017
O' suonno c'à fantasia
nu iuorno se ncuntrareno
ncopp'à na nuvola in affitto
luntano dò munno sano.

che sufferenza a vederte
doppo tant'anne e guardarte,
sentì sta voce doce che
pe tant'anne m'affatturate.

mo me sento accussì vuota
comm'è na zucca vacante,
nun se po vivere na vita
senza na contropartita.

marygiò
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)

Buon Natale agli amici vicini e lontani.

il 25/12/2017 alle 06:07