Er male de vive

Er male de vive
4,5/5 meriti (2 voti), lettura, 3 commenti
Pubblicata da PoeticHouse Venerdì, 13 di Ottobre del 2017

Vernacolo rima e il proprio pensiero affidato alle parole. Se le dosi sono giuste, ma sono di parte in quanto apprezzo molto la buona rima, ne viene fuori spesso un ottimo distillato.

il 13/10/2017 alle 15:47

Il male del vivere ........arriva all'improvviso......non hai voglia di niente...vuoto è il corpo e vuota la mente e, mentre abulico lo sguardo si posa su ogni cosa, l'anima ti scivola in un pozzo nero e lì...... si riposa.... Gabriela.

il 15/10/2017 alle 07:57

fantastica...il dialetto quando lo si sa usare è un arma letale...

il 26/10/2017 alle 11:43
Ce stanno giorni in cui la voja nun t’assale,
quei giorni in cui vorresti resta’ a letto
e nun c’hai voja de scenne quelle scale
pe’ ‘nfilatte in quell’ufficio maledetto.

ce stanno giorni in cui vorresti solo piagne,
chiudete a casa e butta’ via la chiave,
stacca’ er telefono e nun senti’ più lagne,
anna’ lontanto o imbarcatte su ‘na nave.

ce stanno giorni che vedi score fra le dita,
so’ giorni in cui manco abbastano l’amici,
quelli che te stanno accanto da ‘na vita
quelli che t’hanno curato tante cicatrici.

ce stanno giorni in cui l’anima te more,
quelli brutti da cancella’ dar calendario,
quelli che l’ansia te sale drento ar core
te se ‘ntorcina ar fegato, te fa passa’ ‘n carvario.

ce stanno giorni in cui te butti sotto ‘e pezze,
ma la vita te comincia a arriva’ a stormi
ma nun ariva mica a datte du’ carezze
e alla fine cor cazzo che t’addormi.

ma ‘sta vita dura tocca vivela lo stesso
e questi tocca de fa finta che so’ istanti.
insomma, pure stando ‘n pizzo su ‘n abbisso
ce tocca strigne i denti e tira’ avanti.
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)