A Morgana (appena nata)

A Morgana (appena nata)
5,0/5 meriti (2 voti), lettura, 4 commenti
Pubblicata da PoeticHouse Martedì, 10 di Ottobre del 2017

.....e de' vivela sta vita sempre e solo come un sogno...augurio più bello non potevi regalarle...mi è piaciuta molto....Morgana è già nata fortunata a trovarsi accanto uno zio come te.......Gabriela.

il 10/10/2017 alle 18:50

Benvenuto Bella la poesia vernacolare Complimenti per l'intensità del testo

il 11/10/2017 alle 19:18

Grazie per il benvenuto e grazie ad entrambi per i complimenti :)

il 12/10/2017 alle 10:42

bellissima,auguri belli, anche la mia nipotina si chiama Morgana, ciaooo

il 12/10/2017 alle 18:00
A Morgana (appena nata)

e' questo 'n nome antico, ch'evoca avventure,
de cavalieri erranti, de spade, de armature,
de arcani miti celtici e 'ndecifrabili misteri,
che risveja la magia e l'oscuri suoi poteri.

e' questo 'n nome maggico, ch'ammalia come 'n canto
pure se de notte... ve sembrerà più 'n pianto.
e’ 'n nome seduttore che porterà alla gloria,
se strega oppur se fata... ce lo dirà la storia!

e' 'n nome ingannatore che po' crea' scompijo,
po' fa' crede certe cose senza manco batte' un cijo,
s'è vero che 'sto nome è er nome d'un miraggio,
nun fatela 'ncazza', nun sarebbe molto saggio.

ma che regalo fa' a 'na fata appena nata?
je se po' da' 'na stella? 'Na goccia de rugiada?
della luna 'n friccico e 'n pizzico de cielo?
'N'arba, 'na farfalla o dell'erba 'n solo stelo?

je se po’ da’ ‘n colore, che sia d’arcobaleno?
‘Na rosa senza spine oppur l’odor der fieno?
della neve ‘n fiocco, der miele la dorcezza?
o, semplicemente lieve, della piuma ‘na carezza?

je se po' da la pioggia o 'n alito de vento?
e ne’ notti senza lume delle sirene er canto?
je se po' da' tanto, ma ce ne sta' uno giusto?
ner dubbio, pe' regalo, noi j'auguramo questo:

de vivela 'sta vita senza limiti o frontiere,
de trova’ legami forti, de trova' amicizie vere.
de trova' l'amore immenso, senza fretta, senza affanni,
perché questo per er papà verrà dopo i cinquant'anni.

de vivela 'sta vita senza vincoli e catene,
colla libertà ner core e cor sangue nelle vene,
de tenette stretta ar collo quella fantasia bambina,
pe' stupitte d'ogni cosa, de 'na lacrima de brina.

de cercallo l'infinito, pure ortre l'orizzonte,
nell'abbisso più profondo o sur vertice d'un monte,
nella cosa più banale o 'n quella più importante,
de fa verso l'avventura sempre passi da gigante.

de nun perde, come tanti, l'innocenza o la paura,
ma che questa sia sortanto 'na banale seccatura.
che la vita te sorrida e che tu lo faccia ad essa,
senza ansie né rimpianti senza perde’ mai te stessa.

e de vivela 'sta vita sempre e solo come 'n sogno,
che a fermatte quelli brutti c'è la tela ch'è d'un ragno,
de nun vivela così, senza aveccelo 'n disegno,
de passa' -fa grandi cose- e de lascia' alla fine 'n segno.

(Dedicata a mia nipote Morgana)
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)