Pubblicata il 07/10/2017
non lascerò che entri nel cuore
questo nevischio ottobrino.
ho sulla pelle le tracce
di un sole agostano
che non vorrei sfrattare
dalle membra.

mi adorna ancora di tepore
mi seduce di frutti mielosi.
non voglio socchiudere l’uscio
alla nuova stagione
che d’incognite ha piene le giare
e i palmenti.

ella avanza prodiga di vino novello
di asprigni cotogni
e vellutati melograni.

esibendo credenziali
di precoci brividi s’insedia
a raggelarmi l’anima contadina

oh mio sole, non lasciarmi, resta.

c’è tempo per cedere lo scettro
al generale inverno
che a pugni stretti respingo oltre.

oltre le vetrate degli occhi!
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)

Bellissima !!!!!! Gabriela

il 15/11/2017 alle 18:44

Grazieeeee

il 15/11/2017 alle 19:56