L'edera drappeggia l'epidermide di chi sogna

373
L'edera drappeggia l'epidermide di chi sogna
4,8/5 meriti (5 voti), lettura, 17 commenti
Pubblicata da PoeticHouse Giovedì, 5 di Ottobre del 2017

Tre capoversi ognuno narra un barbaglio d'anima, ed il titolo a cui tu dai la funzione di trade-union s'avvinghia all'onirico richiamo - col cuore sul tuo cuor..... ( Nilla Pizzi )

il 05/10/2017 alle 06:44

Pardon leggesi " Trait d'union " sono approdato freudianamente sulla riva errata della Manica. I beg your pardon..

il 05/10/2017 alle 06:53

"L'edera drappeggia l'epidermide... " ... altrettanto riesce a fare la tua poesia. È' un dono. Ciao Reb

il 05/10/2017 alle 08:31

Meno male che per te i titoli non sono.particolarmente importanti !...Qui il titolo è già poesia pura... ;) Ciao Reb sei forte....

il 05/10/2017 alle 10:07

La Nostra cara Rebel sta prendendo finalmente consapevolezza dei suoi eccellenti mezzi e del suo sconfinato talento e ora si districa sempre con estrema facilità tra i suoi versi surreali, ma con una disinvoltura che forse neanche Lei si riconosceva, e crea con piglio da Poetessa veterana (non Piglio, ci siamo capiti !) i titoli che Lei stessa affermava in passato non essere così importanti. Un altro passo verso la completa maturazione, brava sorellona

il 05/10/2017 alle 11:46

Stai esplorando nuovi cieli... perfetti!

il 05/10/2017 alle 12:11
373

grazie sergio, sì il titolo si lega alla poesia ma è un oni-richiamo :) ps. voglio i capelli di nilla pizzi

il 05/10/2017 alle 13:05
373

grazie anna, è bello crederlo ogni tanto

il 05/10/2017 alle 13:06
373

grazie saby... in realtà davvero i titoli giungono così.. le prime tre parole che piovono e tac! :) baci. ps. forte tu!

il 05/10/2017 alle 13:10
373

ahahah rick! grazie per il Lei :) un bacio fratellone, ti voglio bene

il 05/10/2017 alle 13:15
373

grazie ale :)

il 05/10/2017 alle 13:16

Più che in un sogno la sequenza dei versi scema in uno straordinario scenario tipicamente onirico sul quale c’è ben poco da dire...occorre essere attenti spettatori perché la vertiginosa successione degli eventi toglie il respiro ma ritornando con un giro di valzer, anche senza geometrici...salti, al titolo ritroviamo la calma tipica dell’ Occhio del Ciclone...qui dove sicuramente il ritratto della Lonicera alpigena aut Lonicera caprifolium, etc., è ancora nitido ci sentiamo carezzati sulla pelle da un Edera che ci avvolge delicatamente… ci mettiamo tranquillamente seduti e sicuri come dentro all’ utero materno mentre note musicali intense di passione ci trasportano in un sogno lontano dove la calda voce di Nilla o di Tonina ferma per qualche attimo il Tempo, anch’ esso commosso...ma per poco perché il sacro fuoco del pendolo ritornerà a battere finché gli dèi vorranno… ...ma noi avvolti e drappeggiati dall’ Edera siamo dentro al sogno, indifferenti...

il 05/10/2017 alle 18:09
373

dai un valore aggiunto a ciò che scrivo.. sono io stessa a rimanerne stupita. grazie :) un bacio

il 05/10/2017 alle 21:04

Architetture oniriche, linguaggi simbolici e suoni surreali si sprigionano vertiginosamente da questi versi, “drappeggiando” con incanto e delicatezza l’anima stessa del lettore in un argenteo fluire senza tempo. Come è stato sottolineato, la Poetessa va acquisendo verso dopo verso una consapevolezza, una disinvoltura e una sempre maggiore maturità espressiva che, intrecciandosi ad un innato e inestimabile talento, sembrano preludere a sempre più vasti e illimitati orizzonti rappresentativi. Io, però, più che Nilla o Tonina, sento la voce di Janis…. Eccellente…

il 06/10/2017 alle 22:26
PH

Magnifica...

il 06/10/2017 alle 22:31
373

Grazie f., mi piace che tu ci veda janis. Baci

il 06/10/2017 alle 23:46
373

Grazie ph!

il 06/10/2017 alle 23:46
scema il ritratto di un caprifoglio
sul naso della musa dagli occhi grandi.
nell'utero, un portagioie bizantino
e un valzer dai geometrici salti.

migrano queste tonsille,
aggrappate al fuoco di un pendolo.
  • Attualmente 4.8/5 meriti.
4,8/5 meriti (5 voti)