Pubblicata il 25/08/2017
Mònni diverzi

quanto me piacerebbe, strigne tutti
un grann’abbraccio, senz’arcun colore
aiutà, pòte’ cancellà er dolore
senza distinzzione de bell’e brutti.

fa’ quarcosa, pe’ tutti ‘sti gran lutti
diffonne co’ pazzienza, sol’amore.
lotta’ bbene, pe’’n posto assai mijore
un monno vero, senza farabutti.

s’arivera’ mai a st’alleanza?
quanno te scordi, che vordì artruismo
penzanno solo ar bene de la panza.

avoja a chiamallo grobbalismo
si pòi comanna tutto la finanza
ner nome der quatrin’ed_der cinismo.

Gep© 2017
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

la poesia in vernacolo costituisce una forma alta di lirismo e di spessore culturale complimenti

il 26/08/2017 alle 17:32