Pubblicata il 23/08/2017
L’amore pe’ li portoni

- Nina, sto’ a’spetta’ da ‘na settimana
‘mbocca ‘r portone, ‘ccostamo un pochetto
daje, damme solo quarche bacetto
me sei stata troppo tempo lontana.

ciai er petto da Dea, de la funtana
‘sta camicetta, je fa’ ‘n bbell’effetto
che bbòn profumo e che ber culetto
peccato, coprillo co’ la sottana.-

- Ah oh, ma che te dice ‘sto cervello?
amio parlato de da’ quarche bacio.
attasti, tocchi, che manco ar macello.

co’ me, nun serve de sta’ affa’ er macio.
vòi proprio giocà, co’ ‘sto giocherello?
spòseme, poi tutto pepe e cacio.-

Gep© 2017
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)

Una poesia, per favore!

il 23/08/2017 alle 14:50

e chi la chiama poesia, questa è una storiella a sonetto come mia consuetudine...una storiella vera, del mio passato riportata in rima...non complichiamo le cose semplici, per favore...una buona giornata Sir Morris...

il 23/08/2017 alle 18:25