Pubblicata il 11/08/2017
Il giorno lentamente scompare,
inghiottito dal crudele fungo.
si slancia alto nel cielo,
con posa abnorme e tronfia.
a spodestar persino il trono di Dio.
il fungo fagocita la vita
con insaziabile voluttà.
tra ruderi di case abbandonate
che non conoscono sepoltura,
l'immane fragore di una superpotenza immortala d'infamia
la storia di una civiltà.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (3 voti)

La super potenza che ha debellato i miei amici pellerossa con indegni stratagemmi. Grande poesia, Franc!

il 11/08/2017 alle 10:24