Ti rubo al vento

Ti rubo al vento
3,0/5 meriti (1 voti), lettura, 0 commenti
Pubblicata da PoeticHouse Martedì, 16 di Maggio del 2017
Altro non posso donarti di me stesso,
è poca cosa, che un volo con la fantasia.
narro dell'onda e della nube grigia,
delle note sospese al lume della luna,
del vento che comanda ai tuoi capelli,
di sfiorare la nuca disadorna e bianca.
muterà certo soffio all'improvviso,
se sempre incontro al sogno andremo;
ostro sarà sconfitto nella battaglia,
se labbro accosterò al collo tuo.
e' fiato che ti scalda all'improvviso,
carezza che ci conduce verso sera.
brezza ora non temere più e non amare,
sarò il manto, il soffio, e l'avvenire.
nel chiostro mio di nebbia turbinante,
celata al senno di chi non vuol capire,
potrai ora mutare da crisalide in farfalla.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)