Pubblicata il 12/02/2017
Io non so addomesticare il pensiero,
come si fa con le greggi,
perché ho bisogno del vento
come del pane,tra i denti,
e di questa sinfonia di note di parole,
che tra le dita ammorbidiscono il tempo,
ho bisogno del susseguirsi di vuoti a perdere
da recuperare e riempire
di gemme e profumi,
di legni speziati e conchiglie,
di suoni d'oboe e uragani,
che mi danno sussurri liberi
e una tana,trama,intrecciata di sogni
che palpita,lieta.
così accendo la candela della sera.

mariateresa Vasturzo
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (3 voti)

Brava non sei da pensiero unico un applauso per te clap clap clap, un saluto

il 13/02/2017 alle 17:15

Ti ringrazio per questo pensiero!

il 14/02/2017 alle 23:13