Pubblicata il 18/01/2017
So solo carci
quella palla scenneva, a ghilombella
un crosse pe’ tajà er centrocampo
era partito manco fosse un lampo.
er mediano, passò ‘sta palombella.

co’ ‘na finta, lui scarta er difenzore
allunga er passo, pe’ stoppà ‘sta palla
co’lo sguardo studia ‘ndò po’ ‘nfilalla
sur palo lungo a destra der portiere.

er pallone ariva giù a peso morto
ma lui tira forte, de collo pieno
schizzanno verso er cielo più sereno
je cala sotto ar sette, tutt’ambotto.

che gioia, ch’emozione, che gollazzo,
s’abbracceno felici, a ‘sta maggia,
nun so’ famosi, manco ‘sto regazzo,
er campetto è de periferia,
giocheno da grandi, senz’imbarazzo,
so’ solo carci… che cosa vuoi che sia.

Gep© 2017
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (3 voti)

Bellissimo porgersi! Bravo, Geppo

il 19/01/2017 alle 20:34

tiè, becchete 'sto 4

il 20/01/2017 alle 09:50