Pubblicata il 14/01/2017
Per chi ci crede …

nel giunger lieto, al fatal appuntamento,
per l’ora che pugnava a divenir completa.
a destra e a manca, lo sguardo suo vagava,
nella ricerca degli occhi di pulzella.
le mani sue bramavan, di stringer forte al petto,
chi del cuor suo, faceva turbamento.
ma il tempo, non poi volse alla sua parte,
e il cielo più scuriva ogni minuto.
lesto il pensiero rimembrava,
l’ardir a dichiarar codesto invito.
sicuro era stato l’accettare,
spontaneo quel sorriso, su quel volto.
speranza di un amore condiviso,
che falsità non mettea, te in avviso.
mesto tornasti alla tua dimora,
ancor oggi … l’amore cerchi ancora.

Gep© 2016
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (3 voti)

Padronanza del linguaggio poetico intriso di rispettosa saggezza operante!

il 15/01/2017 alle 10:35

chi cerca trova chissà... pe' questa te chiamerò PPPoeta

il 15/01/2017 alle 17:39