Pubblicata il 14/01/2017
De sta’ ar de sopra de la bestia dice
l’òmo, che se fa tanto inteliggente.
se dimostro che nun capisce gnente
e quello è solo un tocco de vernice
ossia, nun è gnent’artro che aroganza
tanta raggione ciò che basta e avanza.

naturarmente la dimostrazzione
richiede de seguimme in un concetto
perché pe’ dimostravve quanto ho detto
ciò bisogno de favve un paragone.
percui ve prego, fin da ‘sto momento
seguite bene er mio raggionamento.

se adesso noi volemo mette’ mente
a ‘na scala, che è fatta de scalini
quella è l’umanità. Grossi e piccini
òmmini e donne, tutti lì uguarmente
cianno ‘no spazzio limite disposto
de modo che ciascuno ciabbia un posto.

sopra er primo scalino ce sta er mejo!
fu quello che ispirò la banderòla.
nun sa soffri’, nun usa la parola
sta sempre addormentato mentre è svejo
e, dar primo scalino mai nun s’arza
che la scintilla sua è piuttosto scarza.

je piace a vive’ in quella condizzione
lui cià sempre er pensiero che la panza
sia sempre piena, poi se spaparanza;
nun sa pensa’, rimane in sospensione;
nun s’accorge de lo scalino accosto,
sta ar monno solo pe’ occupa’ quer posto.

invece, un individuo qualunque
a quarsiasi artezza de la scala
parla de sotto? E’ un sòno de cicala
perché nisuno lo capisce! E dunque
dice: -chi sta più giù quarche scalino-
-Ne spara de cazzate quer cretino!-
Tanto che l’individuo in questione
se sente a l’improviso illuminato.
capisce, sta perdenno solo er fiato
parlanno a chi è sprovisto de raggione.
se sente ‘n Padreterno e fa: - Mo parto
e espongo er mi’ pensiero a quelli in arto.-
lui s’arma de coraggio e fa la prova:
parla der più e der meno a quelli sopra
ma pe’ quanto è l’impegno che ce addopra
pare che manco questo qua je giova.
vie’ cojonato da chi cià più scenza
e s’ aritrova ar punto de partenza.

questo dimostrerebbe solamente
che in quarsiasi posto è collocato
l’òmo, da l’omò, viene giudicato
poco deppiù de un pòro deficiente
che indove parla è a vòto. Ma, se sfoga.
che er fatto de parlà’ pe’ lui è ‘na droga.

finché ‘sto tonto se fa un par de bocce...
se fa du’ conti e vie’ a la concrusione
che ognuno cià la propia condizzione
e se mette a parla’ cor contagocce.
e nun ce sa trova’ gnente de male
si a vorte scenne in basso o a vorte sale.

lo fa pe’ tornaconto ‘sta gran lenza
ma la scala va su, fino a quer tanto
che a l’urtimo scalino c’è sortanto
quello che spadroneggia co’ la scenza.
‘St’infelice, è un cretino assai più grosso
perché je danno tutti quanti addosso.

lui soffre più de tutti e se dispera
perché de sopra nun ce sta nisuno.
se farebbe ammazza’ purché quarcuno
lo stasse ad ascorta’. Ma, è ‘na chimera.
e poveraccio j’arimane er dòlo
de nun pote’ parlà’ fòr che da solo.

noi un po’ più giù, pe’ quanto fessi semo
dovressimo a ‘sto punto stabbili’
che chi un sa fa’ a meno de soffri’
e parla solo, a dije poco è scemo.
e si se fa un esame de coscenza
butterebbe ner cesso quella scenza.

la bestia, come er primo de la scala,
è contenta de quello che cià intorno.
de notte dorme, magna e caca er giorno
e si c’è da sciala’ lei gode e sciala.
ancora er cervello mio s’addopra,
pe’ capi’ chi sta sotto e chi sta sopra
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (3 voti)

Un capolavoro di rimato, ricamato con arguzia sopraffina! Complimenti, Pirolo!

il 14/01/2017 alle 14:55

grazie Sir troppo buono

il 15/01/2017 alle 10:39

Pungente e ironica.Mi piace :)

il 15/01/2017 alle 15:37

Perspicace accompagnata da ironia e vivacità. Devo confessarti che pur essendo di Roma il dialetto faccio fatica a seguirlo ma mi è piaciuta.

il 15/01/2017 alle 22:48

piacevolissima!!!!!!!!!!!!!......Gabriela.

il 17/01/2017 alle 14:14

tanto da imparare su musicalità, rima e tecnica, poi ironia e fantasia nel testo...er mejo

il 18/01/2017 alle 09:17