Pubblicata il 13/01/2017
Er poliglotta

un sorcio, scappanno drento ‘na tana
sarvannose da l’ogne de ‘n ber gatto
riprese fiato, tutto soddisfatto
maladicenno quer fijo de puttana.

da lì, però intese ‘na buriana
li strilli lo lasciorno estrefatto.
bau, miau, bau, penzò “ Er gatto è fatto,
er cane lo farà piagne a funtana “.

uscì, ma er gatto, lo fece preda.
“ Ma come, ma nun t’ava pijato er cane?”
er micio serio, rispose: “ Mi creda,
ar monno d’oggi, nun ce so’ panzane,
per campare, caro mio, nun s’ illuda,
si nun sai du’ lingue… mòri de fame”.

Gep© 2016
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (4 voti)

In forma smagliante, Geppo, sei esilarante! Bellissimo il tuo scritto, segue una logica nel suo tragitto!

il 14/01/2017 alle 11:32

bura' sei er mejo

il 14/01/2017 alle 12:16

...Fantastico...

il 14/01/2017 alle 18:36

piaciuta :-)

il 15/01/2017 alle 19:50