Pubblicata il 02/01/2017
Grida disperate sopraggiungevano da quei fabbricati
gente malfamata ci viveva dentro
chi si azzardava a fare il minimo movimento
sono serpentoni di cemento
con dentro tutto quello di più cruento
gente disperate che vive alla giornata
ogni casa di violenza è invasa
la legge non esiste
la legalità subisce
gente che nasce già perdente
adolescenti senza infanzia
fanno la guardia ad oltranza
tutto è sotto controllo
per modo di dire
tutto deve rimanere a dormire
spaccio prostituzione sono vere istituzioni
sporcizia malessere parolacce e confusione
è tutta una fusione
quel modo di vivere li è la ragione
il torto ce l'ha chi prova a far obiezione
l'unico rimedio per quel povero ragazzo
fare la valigia e recarsi alla stazione.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)