Pubblicata il 28/11/2016
Una palude argentata riflette i miei pensieri
attimi intensi di passioni perdute
ricordi e ricordi che affiorano e scrivono nell’anima
dove in fondo tu appari luminosa e sorridente
lacrime di sabbia graffiano i miei occhi
mentre parole di piombo escono dalle mie labbra
e vomitano bestemmie sull’ indifferenza degli dèi

e mentre anche l’ aria tratteneva il respiro
tu o dolce amata evanescente nell’ armonia del tempo
volavi nello spazio infinito mentre il Sole batteva
sui miei cigli che fissi all’orizzonte
declinavano innanzi a me un altro giorno
con un’altra sua storia…
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (4 voti)

"...mentre anche l'aria tratteneva il respiro..." caro Romeo, manco spesso, ma sempre la tua parola sa evocare e colpire. Un abbraccio, Andrea

il 28/11/2016 alle 22:07

Intanto ti dico che non riesco a comprendere quel brusco passaggio dal presente all’imperfetto tra l’uno e l’altro pensiero, tra l’una e l’altra strofa, ossia. No ti sei accorto che perde di immediatezza a danno della liricità? E poi, a mio, ovviamente opinapile “pensiero” , raschiata di qualche mielosità e di aqulche termine ab-usato, ne potrebbe scaturire un testo d’alto livello poetico. Ho osato? Vabbè, scusami se sì.

il 29/11/2016 alle 15:16

Ciao Rom anche se sei sparito non disdegno di leggere tue poesie sempre bellissime direi impeccabili anche se il poeta algor vi ha fatto degli appunti, capita anche a te essere corretto. Io ti ringrazio i miei qui, quo, qua ora sono senza accenti grazie a te ho imparo la lezione. Complimenti ancora per la tua opera.Ciao a rileggerti :)

il 29/11/2016 alle 17:55

Dalla profondita' della tua anima le parole che ne scaturiscono fanno si' che anche l'aria rimane senza respiro , un salutone principa'

il 30/11/2016 alle 17:46

Le mille ed una notte all'italiana! Molto bella di passione! Rende lode al tuo valore! Di poeta con il cuore: carico D'Amore! Un saluto

il 03/12/2016 alle 15:41

L'elemento lirico associa al ricordo struggente la drammaticità della vita che comunque continua. In questa particolare circostanza il poeta preferisce annientarsi per un momento ma non dimentica che ha davanti ancora un altro giorno con un’altra sua storia. Poesia bellissima e commovente.

il 29/12/2016 alle 13:01