Pubblicata il 12/11/2016
Nell'incanto d'un momento nova rosa volle sbocciar,
riflesso del creato tal bellezza ti donò,
inganno dell’azzurro quei tuoi occhi
nel germoglio d'un amante che rapisce in cupidigia,
il fiorire dell’amore è a te il sol pensare,
araldo di tremante meraviglia il tuo vedere.
or che del tempo sempre specchio del mio amare tu sarai,
dì al volto mio riflesso che non pena scolpirà
il tuo esser primavera di quel giorno ormai fuggito
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)

Profonda ed elegante lirica.

il 13/11/2016 alle 22:17