Pubblicata il 05/11/2016
Il divano

Stracci,
cuscini e poi
fermacapelli.

Della domenica è il riposo,
della mattina il salvagente,
dei vestiti l'armadio,
degli oggetti smarriti la casa,
dell'invito l'accoglienza,
del mio gatto è il paradiso.

E poi ancora:
le calze,
i fermagli sparsi,
le riviste ,
le parole e le penne.

Della notte è il dormiveglia,
del sabato e del telegiornale è il passivo spettatore,
del sesso il testimone,
dei culi il riposo,
delle menti il conforto.

Poi è la perdizione,
trattiene dagli impegni
e riposa la schiena,
culla.
  • Attualmente 4.2/5 meriti.
4,2/5 meriti (5 voti)