Pubblicata il 06/10/2016
Caldo d'autunno, quando il sole non vuole cedere
il posto al freddo inverno.
foglie gialle cadono dolcemente
e depongono un tappeto d'oro ai miei piedi.
il mio parco preferito, affollato di fauna vociante,
nonni ansiosi, mamme al cellulare,
bambini inconsapevolmente felici.
fa ancora caldo, un caldo umido
che si muterà in pioggia stanotte.
depongo la mia stanchezza,
la stanchezza dei miei tanti autunno,
su una panchina ombrosa
davanti a me cala un sipario di vetro,
io sto di qua, isolata, lontana da tutti.
abituata alla mia solitudine,
nessuno mi vede, nessuno mi nota
potrei uccidere
resterei impunita !
mi assale la malinconia.
una giovane coppia si scambia effusioni
e li guardo con l'invidia
degli anni passati, l'amore mancato
la giovinezza fuggita, il nulla che mi circonda.
la parete di vetro che innalzo intorno a me
mi mostra il resto dell'umanità
come tanti pesci dentro un acquario,
io sto dalla parte dello spettatore,
guardo i pesci che si rincorrono
e vado via, torno a casa
porto la mia solitudine dove è abituata a stare.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (2 voti)

Bella davvero mia cara immediata e figurativa si vede tutto di te e a volte scusa ma vedo un giorno mio qualsiasi w uasi fossero tutti uguali brava !!!!

il 08/10/2016 alle 19:44

Il poeta canta il freddo inverno alle porte, rilevando l’incertezza del tipico clima di fine estate, vi si avvolge e sente ancora più stringente la sua solitudine; quasi l’estremizza aggredita dai suoi ricordi. Rimpiange l'amore mancato, la giovinezza fuggita e si chiude in se stesso, quasi a voler respingere quel mondo crudele che l’ha resa infelice. La poesia, gradevole e di bello stile, ondeggia tra su note decisamente malinconiche, ma riesce ad attrarre e coinvolgere il lettore.

il 10/10/2016 alle 14:43

.... gradevole poesia che sa trasmettere la malinconia dei tuoi pensieri.....Gabriela.

il 12/10/2016 alle 14:23

Dalia, bellissimo nome di un fiore d'estate. La tua poesia è un grande rimpianto una vita di . solitudine, gli anziani invisibili e soli, è veramente un grande problema... Arriva per tutti, purtroppo in questo mondo di oggi gli anziani, danno fastidio. una volta nella società patriarcale era considerato persona che aveva esperienza di vita. Oggi sono solo un peso.,Non ti scoraggiare vivi la vita e prendi le piccole gioie che ti offre, i rimpianti non li ascoltare. Ascolta solo la bella musica. Ti mando un carissimo saluto e avanti non ti arrendere mai FORZA ciao

il 18/02/2017 alle 16:14